E’ con grande piacere che annunciamo una piccola ma importante variazione sul percorso  verde, Pendici del Tajarè!

La parte asfaltata in discesa (lunga circa 1km) in prossimità della borgata Chiotti (dopo la fine del single-trail che incrocia il percorso giallo a monte della borgata) è stata bypassata recuperando l’ antico sentiero che collegava la parte alta con quella bassa dell’ abitato, e che arrivava fino alla Chiesetta della Moutta, dove si riprende il percorso originale.

L’edificio religioso un tempo era anche una scuola, quindi era parecchio utilizzato, quando la borgata era (una volta) molto popolata.

E’ stata modificata la segnaletica sul posto (paline+frecce) e variata la traccia gpx  e descrizione sulla pagina relativa al giro: il nuovo tratto si imbocca ad inizio borgata, nei pressi della fontana lavatoio (freccia verso sinistra).

Si raccomanda di moderare la velocità all’interno della borgata (presenti alcune seconde-case) e di prestare attenzione alle due parti a gradoni (dopo una fontana e a fine variante).

Si ringrazia l’ Unione Montana Valle Stura che si è adoperata per il recupero di questo gioiellino: siamo lieti che il BPT possa essere mezzo per rivalorizzare ancora una volta un pezzo di “storia sentieristica” della bassa Valle Stura.

Ride it!

2 Replies to “Meno asfalto, più sentiero: novità sul percorso verde, Pendici del Tajarè”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 + nove =